Nuovo APE dal 1.10.2015

certificazioni_energetiche_brescia

Nuovo APE 2015, dal 1 ottobre 2015 usciranno i decreti attuativi della legge 90/2013 (di conversione del Decreto Legislativo 63/2013); l’ultimo aggiornamento alla certificazione energetica c’è stato il 2 ottobre 2014, con la pubblicazione delle nuove UNI TS 11300:2014 parte 1 e 2 che hanno modificato il metodo di calcolo della prestazione energetica degli edifici.http://www.ylatiarchitetti.com/wordpress/uni-ts-113002014-parte-1-e-2/ )

Esso completa il quadro regolatorio dell’efficienza energetica in edilizia adeguando le linee guida nazionali (decreto del MISE 26 giugno 2009) alle nuove metodologie di calcolo introdotte a livello europeo e definite a livello nazionale con il decreto sui requisiti minimi di prestazione energetica

Il nuovo Decreto ha l’obiettivo di uniformare le modalità di classificazione energetica degli edifici a livello nazionale e il modello di attestato di prestazione energetica APE.

 

Le principali novità:

  • Le classi energetiche saliranno da sette a dieci, A4, A3, A2, A1, B, C, D, E, F, G .

La classe energetica di un edificio è determinata sulla base di un indice di prestazione globale non rinnovabile dell’edificio, per messo del confronto con una scala di classi prefissate, ognuna delle quali rappresenta un intervallo di prestazione energetica definito.

Le classi energetiche non saranno più 7 ma 10: dalla meno efficiente (Classe G) alla migliore (Classe A4).

La scala di queste classi è definita a partire dal valore dell’indice di prestazione energetica globale non rinnovabile dell’edificio di riferimento, calcolato ipotizzando che in esso siano installati elementi edilizi e impianti standard dell’edificio di riferimento. Tale indice è posto come separazione tra la Classe B e la Classe A1.

Per la determinazione della classe energetica complessiva dell’edificio ai fini della redazione dell’APE unico, si procede calcolando il valore dell’indice di prestazione, per l’edificio di riferimento, in corrispondenza dei parametri vigenti per gli anni 2019-2021. 

I nuovi parametri saranno validi per :

  1. tutti gli interventi con permesso di costruire presentato dopo il 1° luglio 2015 per le nuove costruzioni;
  2. tutti i casi di demolizione e ricostruzione;
  3. ristrutturazioni importanti di primo livello, ossia interventi che interessano più del 50% della superficie disperdente esterna e l’eventuale rifacimento dell’impianto termico invernale e/o estivo;
  4. ristrutturazioni importanti di secondo livello, ossia interventi che interessano dal 25% al 50% della superficie disperdente esterna e l’eventuale rifacimento dell’impianto termico invernale e/o estivo o interventi che interessano più del 50% della superficie disperdente esterna. 
  • Le nuove linee guida per la certificazione enregtica introducono nuovi indicatori; nel nuovo attestato di prestazione enregtica unico,infatti, sono indicate oltre alla classe energetica basata sull’indice di prestazione energetica globale non rinnovabile, anche la prestazione energetica invenrnale ed estiva dell’involucro al netto del rendimento degli impianti presenti
  • Aggiornati i casi di esclusione dall’ obbligo di dotazione dell’ APE ( http://www.ylatiarchitetti.com/wordpress/appendice-a-casi-di-esclusione-dall-obbligo-di-dotazione-ape/ )
  • Sopralluogo obbligatorio
  • un catasto energetico unico nazionale verrà istituito, il sistema informativo nazionale APE (SIAPE), in cui verranno raccolti tutti gli attestati di prestazione energetica, anche quelli delle regioni che hanno una propria legislazione in materia

 

 

By :
Comments : 0
About the Author

Leave a Reply

*

captcha *